Atteggiamento mentale di riuscita

Non hai tempo di leggere l’articolo? Ascolta l’AUDIO/VIDEO Blog su YouTube, clicca sul link https://www.youtube.com/channel/UCPFlJ8aGrAb0fdHI83I0PMQ

Spesso un progetto fallisce semplicemente perché non ci abbiamo creduto fino in fondo. L’atteggiamento mentale che assumiamo, infatti, influenzerà almeno il 50% della nostra possibilità di riuscita.

Bisogna saper sognare, ma per volare in alto, bisogna avere i piedi ben inchiodati a terra.

Bisogna sapere dove si vuole andare, immaginando in grande, ma attivarsi quotidianamente con piccole azioni che, nel complesso, genereranno grandi cambiamenti.

Ciascuno di noi ha metodi diversi per attivare la propria motivazione. Spesso seguiamo profili social o blog di chi ha la capacità di farci sognare, immaginare e imparare. Altri si nutrono delle proprie esperienze di vita per generare una propria autostima motivazionale, altri ancora semplicemente si isolano con musica a palla vagando tra i propri pensieri. C’è chi farà sport e chi invece viaggerà alla ricerca di culture e mentalità differenti.

Inconsciamente, ciascuno di noi, verrà trasportato da delle emozioni che più rispecchieranno il proprio stato d’animo o di bisogno in quel particolare momento.

Essere costantemente al 100% è quasi impossibile, se siamo umani, ma “abituarsi” a vedere il bicchiere mezzo pieno è solo una questione di allenamento.

La tecnica, la mentalità e le nozioni si acquisiscono con il tempo, lo studio e il costante allenamento.

Se tutti i giorni cucirai per almeno 30 minuti, allenandoti su una determinata tecnica, dopo soli pochi mesi il risultato sarà davvero eccezionale, soprattutto perché in quei mesi non solo avrai acquisito la tecnica ma avrai avuto modo di raffinarla e anche di “modificarla” in base alle tue necessità.

Perché i mestieri s’imparano ma poi bisogna farli propri.

Ripetersi come un mantra io devo riuscirci e non potrei riuscirci potrebbe fare la differenza.

Vedere nella difficoltà uno stimolo e non un altro insormontabile ostacolo da superare, potrebbe fare la differenza.

Vivere il sacrificio con il sorriso e non con il vittimismo, potrebbe fare la differenza.

Trovare gli esercizi giusti, il proprio metodo e le persone idonee per allenarsi nel modo corretto, potrebbe fare la differenza.

Come sempre tutto parte da te, dalle scelte che farai, da chi ti circonderai e dai metodi che utilizzerai per arrivare dove desidererai arrivare.

Ricordati sempre di essere al meglio che puoi sfruttando al meglio ciò che hai.

Sania

Rispondi